Mobile-First Index e la nuova era del posizionamento SEO

Ci avevano avvisati. Sapevamo da anni che i siti web sarebbero dovuti diventare sempre più mobile-friendly. E ora tutto ciò è diventato realtà. Oggi i siti devono essere pensati a partire dalla versione mobile che non può più essere soltanto un adattamento di quella desktop. Oggi il Mobile-First è un imperativo.

Da quando Google ha introdotto all’inizio di quest’anno il nuovo algoritmo Mobile-First Index, la versione mobile del tuo sito web è diventata la più rilevante per il tuo posizionamento SEO su Google. E non solo: se i tuoi contenuti della versione mobile non sono gli stessi di quella desktop, ne vieni penalizzato.

Dopo un anno e mezzo di test, lo scorso marzo Google ha annunciato il rilascio del Mobile-Forst Index, un nuovo sistema di tracciamento che favorisce soprattutto la versione mobile dei siti web. Nel comunicato stampa ufficiale, Google ha spiegato così questo passaggio: “I nostri sistemi di scansione, indicizzazione e ranking hanno finora usato il contenuto delle pagine web in versione desktop, causando problemi a chi compie ricerche da mobile, quando queste due versioni sono molto differenti tra loro. Con il Mobile-First Index useremo la versione mobile della pagina web per l’indicizzazione e la classificazione, con l’obiettivo di aiutare i nostri utenti a trovare quello che stanno cercando”.

Questo cambiamento è avvenuto infatti in risposta alle abitudini delle persone. L’80% degli utenti internet nel mondo si connette da un device mobile e più del 50% di questi compie veloci ricerche sui motori di ricerca usando il proprio smartphone.

Google continuerà a usare un unico indice per mostrare i risultati e anche se le versioni desktop sono state indicizzate, le versioni mobile ben presto diventeranno predominanti. La transizione sta avvenendo gradualmente, a partire dai siti web con poco traffico.

Uno strumento per scoprire se il tuo sito rientra già nel Mobile-First Index è Google Search Console con il quale puoi controllare e mantenere il tuo sito nei risultati di ricerca Google.

https://lh5.googleusercontent.com/RljfD0z4_unVYPQNcYNKgdJK1UJ4PfqW3jmJlV36IuwXjRrjsi6agf0Dc-Ru3RUYyeKptAWBUqkb-FyUAKzD5rFzA6ubfW6vFrTWTQLofz5BC0VRx5GmXgXYXz0SVYW-AlJwPLNx

Source: Google.

Questa novità segna un prima e un dopo nelle strategie di posizionamento SEOdelle aziende. Ed è per questo che da oggi in poi dovrai tener conto di questi fattori:

  • La versione mobile è quella che deve essere ottimizzata meglio dal momento che è quella che Google visiterà per prima. Ciò significa che il tuo sito deve essere pensato per essere fruibile dai device mobile. Quando è il momento di creare un nuovo sito, la cosa migliore da fare è quindi partire prima dalla versione mobile e poi adattarla alla versione desktop.
  • Il contenuto deve essere uguale nelle due versioni: ciò che non inserisci nella versione mobile Google non lo prende in considerazione. Questo contenuto di dati strutturali o meta dati potrebbe non essere incluso per rendere il tuo sito web più leggero e quindi più veloce.
  • Per fare questo puoi nascondere il tuo testo utilizzando i cosiddetti accordion(o fisarmonica) che mostrano solo i titoli dei paragrafi. Cliccandoci sopra, il contenuto si espande permettendo all’utente di leggere l’intero testo. Questa formula è utile per organizzare le informazioni, lasciandole comunque visibili a Google.
  • Google continuerà a tenere in considerazione come fattore essenziale per stilare la sua classifica la velocità di caricamento di un sito. Ciò significa che il tuo web design deve essere semplice, leggero e usable.
  • Oltre alle questioni tecniche, non dimenticarti del tuo cliente, e pensa invece alla sua esperienza e a come renderla migliore. Se non l’hai ancora fatto, ora è il momento giusto per ridisegnare la tua content strategy. Per essere completamente focalizzati sul contenuto mobile, devi metterti nei panni dei tuoi utenti, sapere cosa stanno cercando e cosa vogliono trovare, in che formato, attraverso un design accattivante e ben strutturato.

I suggerimenti che Google sta dando da anni a proposito del design Mobile-First sono ora obbligatori per qualsiasi azienda la cui strategia dipenda in parte anche dal suo sito web. Viviamo in un mondo multicanale in cui utenti e clienti si lamentano quotidianamenti dei brand che li trattano diversamente online e offline. Google sta semplicemente applicando una nuova user experience basata sull’uso di internet attraverso i nostri telefoni.