I 5 ERRORI PIÙ COMUNI CHE TI STANNO FACENDO PERDERE CLIENTI

Facciamo un esperimento.

Prova a pensare al tuo peggiore cliente di sempre.

Prova adesso a pensare al tuo miglior cliente di sempre.

Scommetto che hai impiegato più tempo per focalizzare il tuo miglior cliente rispetto al peggior cliente.

Si tratta della famosa legge dell’80/20: per la maggior parte della gente i dispiaceri, le brutte sensazioni e le spiacevoli esperienze rimangono più in memoria rispetto a quelle positive.

Infatti spesso i titolari di azienda dimenticano che sono proprio i clienti i loro migliori sostenitori.

I clienti desiderano avere un’opinione positiva dei tuoi prodotti o servizi e sperano di diventare tuoi clienti abituali.

Diciamo la verità, la vita sarebbe più semplice per tutti se trovassimo un fornitore di fiducia per ogni servizio che cerchiamo. Si risparmierebbe tanto tempo e saremmo tutti più contenti.

E tutto quello di cui ha bisogno un cliente è che tu vada incontro alle sue esigenze e soddisfi le sue aspettative.

Occorre quindi giocare in difesa: imparare il modo per fidelizzare i clienti conoscendo i motivi per cui potresti perderli.

ASSUMERE PERSONALE POCO QUALIFICATO

Immagina di entrare in un negozio che vende infissi, perché hai bisogno di comprare delle persiane per le tue finestre.

Sebbene ci siano molti addetti pronti a servirti, purtroppo nessuno di loro sembra sapere molto di persiane.

Immagina quanto possa essere frustrante e, soprattutto, quanto poco tempo ci metteresti a uscire per trovare un negozio più adatto alle tue aspettative.

Perché sì, i clienti hanno l’aspettativa (giusta) che gli addetti in un negozio conoscano bene i prodotti e i servizi che devono vendere.

Se hai addetti nel tuo negozio, controlla che siano abbastanza formati da riuscire a dare informazioni corrette alla clientela.

RIDURRE L’ORARIO DI APERTURA

Un bar aperto solo fino alle 3 di pomeriggio. Un medico che lavora solo due giorni a settimana. Un panificio che chiude un mese per andare in ferie.

Sono tre esempi di tre imprese che hanno perso clienti (e vendite!) perché erano chiusi in orari e giorni che per il cliente sono irragionevoli.

Non si tratta ovviamente di dover lavorare alle 2 di notte, perché i clienti sanno che essere chiusi alle 2 di notte è ragionevole e ha un senso.

Semplicemente cerca di essere aperto negli orari in cui i clienti si aspettano che tu sia aperto, altrimenti ti toccherà perdere i clienti che andranno da competitori che invece sono aperti.

Se hai un negozio che vende prodotti, puoi pensare di cominciare a vendere online così da dare un’alternativa al cliente quando il tuo negozio è chiuso e non può vendere fisicamente.

RISULTARE POCO PROFESSIONALI

Le piccole aziende hanno il difficile obiettivo di competere con aziende più grandi, a volte anche colossi come Amazon, Ikea, Zalando.

Perciò è obbligatorio far in modo che la tua azienda appaia agli occhi dei clienti come un’azienda che fa bene il suo lavoro, a prescindere da cosa tu venda.

Home Depot, catena di negozi americana che vende strumenti per il faidate, fa indossare a tutti i suoi addetti un grembiule, simile a quello dei giardinieri o carpentieri.

Proprio questa associazione li rende molto più competenti agli occhi dei clienti che saranno più propensi a chiedere informazioni e a fidarsi di loro.

Se non appari una persona competente nel tuo lavoro, i clienti non si fideranno di te.

Non devi per forza indossare un completo da business man, ma semplicemente risultare una persona esperta che conosce il proprio lavoro.

RENDERE DIFFICILE COMPRARE DA TE

Ci sono aziende che si impegnano tanto nel mettere in difficoltà i clienti.

Ad esempio, aziende che mettono in grande sul loro sito il numero di telefono ma non rispondono mai.
Oppure e-commerce e negozi che accettano solo un tipo di modalità di pagamento.
O ancora locali difficili da raggiungere e che non forniscono le indicazioni giuste.

Questi sono tutti esempi di aziende che stanno perdendo clienti.

VENDERE PRODOTTI O SERVIZI SCADENTI

Purtroppo capita spesso di avere a che fare con aziende che, invece di impegnarsi a fornire un servizio o vendere un prodotto valido per poi fidelizzare il cliente, sprecano le loro energie acquisendo sempre nuovi clienti che compreranno solo una volta nella loro vita.

Il modo più diffuso per queste aziende per acquisire clienti, solitamente, è offrire un prezzo più basso rispetto ai competitori.

Non gli importa se il cliente torna o meno. La loro teoria è che ci sono tanti nuovi potenziali clienti che compreranno da loro.

Questo non è un modello di business valido perché sul web, come nel mondo reale, esiste una sorta di passaparola virtuale fatto da persone che lasciano recensioni positive o negative.

Vendere un prodotto o servizio scadente non è certamente una strategia lungimirante.

Vorresti migliorare la tua presenza online e acquisire clienti invece di perderli?